Che giornata. Partiamo dal presupposto che stanotte non riuscivo a prendere sonno. E quando ci sono riuscita, credo di aver sognato tutto il tempo, anche se, non mi ricordo nulla. Ovvio. Ieri sera ho messo la sveglia, cosa che non faccio mai, tanto mi sveglio sempre prima del suono “rompi – orecchie”. In ogni caso, mentre dormivo, d’improvviso mi sveglio. Scoraggiata guardo la sveglia pensando sia già ora di alzarsi. Ma…erano le quattro e qua già si vede che non sono normale. Ho esultato: “sì, si dorme ancora”. E dalle  4 alle 6.45 ho dormito un amore. Dopo le mie vicissitudini notturne e dopo aver fatto colazione (questa non manca mai) sono uscita e innanzitutto sono andata a dare una risposta ad una persona che aspettava me e poi ho continuato i miei giri lavorativi. E da qui parte la storia quando…

Tutta una questione di Fumo (reporter per caso)

Salgo in auto.  Direzione: casa. I finestrini spalancati, la radio che suona, ogni tanto gli speaker che parlano e vi risparmio il quiz di stamattina, a cui ho trovato la soluzione anche io tanto era semplice. Un ragazzo in vespa davanti a me (un attimo prima era dietro di me e poi all’improvviso, allo stop, mi ha superato da destra), con il suo bel casco blu e davanti altre due auto. Comincio ad affrontare le curve della strada di montagna (vabbè, collinetta) che mi accompagna a casa ogni giorno e d’improvviso vedo, il ragazzo sulla vespa che si alza in piedi. Le auto davanti che rallentano e tentennano prima di fermarsi e poi lo vedo anche io: il fumo! Una coltre di fumo, direte voi: nero. Sbagliato. Fumo bianco e marrone. Invadeva la strada e non si vedeva nulla. Sembrava quasi che una nuvola si fosse appoggiata sulla strada. Non conoscendo l’origine di quel fumo sarebbe stato uno spettacolo meraviglioso. E invece, altro non era che il fumo derivante dalla vegetazione bruciata…ma che bruciata…lapidata…ma che lapidata…arrostita…ma che arrostita… D I S T R U T T A !!! Dall’uomo? Chissà…Dalla natura? Mah, ho qualche dubbio. Vabbè, comunque… Ero a cinque minuti da casa e…voilà: inversione di marcia. Un’auto alla volta, abbiamo fatto manovra e siamo tornati giù. Tranquilli, qua in montagna siamo evoluti, abbiamo addirittura due strade. Lo so questa è una rivelazione che nessuno si sarebbe mai aspettata, ma io la faccio a voi in tutta confidenza e mi raccomando non divulgate la notizia. L’altra strada, è divertente, vabbè, non esageriamo, ha le curve a gomito storto e oltre le curve, sul quasi rettilineo,  le auto ferme ai bordi della strada con conducente e “navigatore”, abbastanza navigati, insomma impegnati in attività, come dire “compromettenti” in pieno giorno! E ho detto tutto. Comunque la storia non finisce qui. Ora arriva il bello. Dovevo fare le foto al fumo. Lo spirito della giornalista che alberga in me voleva le foto e così superate le auto in sosta, ho cercato un po’ di spazio dove accostare e un punto da dove si vedesse l’altra strada con il fumo.  Trovato. Immaginate la scena. Una strada con a sinistra una sorta di pineta, a destra il guardrail con il dirupo, la terra e gli alberi, l’erba secca tutto intorno e visto che erano le 13.00, un sole che come direbbe qualcuno “spaccava le pietre”. Prendo la mia fidata fotocamera. Lascio l’auto in moto e scendo.  Là mi rendo conto della situazione. Avete presente il deserto. Ecco, molto simile. Afa, erba secca e nessuno intorno. Il mio primo pensiero è andato agli animali, come dire, selvatici, soprattutto a quelli che non hanno le zampe, avete presente quelli con la linguetta di fuori? Quelli che strisciano. Ora, avete capito? Mi sono guardata intorno con fare furtivo e ho sperato. Ho scattato due foto, dico due e poi qua l’ho fatta grande. Tanto mi tremavano le orecchie che alla velocità della luce ho aperto lo sportello sinistro e … non sono salita in auto. No, sono saltata dentro a piè pari. E non scherzo. Mi è venuto spontaneo e ancora non so come ho fatto. Vabbè che non sono tanto alta, però…Ho chiuso lo sportello e via… A casa con le due foto e con un articolo come dire…fumante!

Ecco questa la mia mezza giornata…il resto, sono buona (ma chi io?) vabbè, ve lo risparmio!

Dal Far West è tutto, la vostra reporter Gg, vi lascia con un sorriso a orecchie tremanti :O)

 

 

Pubblicato il luglio 2, 2007 su My Story. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 9 commenti.

  1. ehm…io non ho capito. Uffà
     
    "animali, come dire, selvatici, soprattutto a quelli che non hanno le zampe, avete presenti quelli con la linguetta di fuori".
     
    Io non ho capito 😦

  2. …ho aggiunto agli animali con la linguetta fuori…un altro indizio: quelli che strisciano.

  3. Cara Giò..grazie per la buonanotte e per le tue visite sempre molto attese…però..però..ti tiro le orecchie io..! "Gli animali, come dire, selvatici, soprattutto quelli che non hanno le zampe, avete presente quelli con la linguetta di fuori"…hanno paura come te..e se muovendoti fai un pò di rumore..strisciano via velocemente..lasciando incolume la fotoreporter !
    Ti prendo in giro và..perchè un pò di fifetta l\’abbiamo tutti..ma mi è venuto in mente quando ho visto mio marito partire con una telecamera per filmare la natura e dopo 5 minuti l\’ho visto tornare a rompicollo..anzi..a valanga..dalla discesa che aveva appena iniziato a salire.L\’incontro con una grande biscia è stato solenne..lui silenzioso e preso..lei pure..ad un tratto si sono..incontrati..guardati..spaventati..e lui..giù dalla discesa e lei..(ma di questo se ne è reso conto solo..scappando) sù come una matta ! ;o))
    In bocca al lupo mia cara fotoreporter..ti auguro presto di fare un grande scoop..chessò..un disco volante..un extraterrestre..una tomba egizia in Italia..qualcosa di semplice così !!!
    Baciottoloni dalla tua
    Cris

  4. Sai che siamo al pc quasi contemporanemaente? perchè ho aperto il tuo blog prima e come al solito si era bloccato ma era uscita la canzone dei tazenda e eros…poi ho riaperto e ne è uscita un\’altra 😀
     
    Ti ricordi il telefilm "felicity"? Potrei chiamarti semplicity hihi
    come mi piacciono i telefilm…ho da farti una domanda…anzi un domandone…ma tu conosci il telefilm "FRIENDS". se no:"buuuuuuh", se si:"lo vedevi? ti piaceva?…se si…avremo molto di cui parlare 😀
     
    Grazie mille per il regalo!!!Penso tu possa immaginare la mia faccia tra il meravigliato e il commosso 😀
    per quanto riguarda gli animaletti striscianti…è un\’indecenza che io non ci sia arrivata subito…questo ti dimostra subito papale papale come sono: da un pò di tempo a questa parte mi sfottono che ho un solo neurone e a volte non posso dargli torto eheh
     
    Goodnight semplicity

  5. Ciao Giovanna
    nessuno può capire come me
    mi piace tanto la natura
    da vedere in fotografia
    neii documentari
    sogno la vita selvaggia
    senza lo stress del traffico
    poi … se mi trovo immersa
    basta il minimo sospetto
    che tra  l\’erba possa aggirarsi qualcosa
    che si muova
    mi vengono i brividi
    anzi a dire il vero
    mi tirano le dita dei piedi
    è come se il mio corpo
    cercarse di sollevarsi
    partendo dalle estremità inferiori
    ma niente … resto coi piedi rattrappiti a terra
    l\’unico scampo è la fuga
    ahahhha
    se c\’è una macchina nelle vicinanze
    mi ci infilo dentro
    senza neanche aprle lo sportello
    anche dal finestrino
    se è aperto.
    Sono una donna di città
    che vuoi farci.
    Buona notte
    maura
     

  6. Buonanotte fiorellino..
    grazie delle tue visite e dei tuoi saluti.
    Un bacio
    Cris

  7. Ma Buon dì.. Gio Fotoreporter…
    Come procedono questi giorni di lugliodove il  sole scioglie anche i pensieri ????Ho letto del vuoto di ADSL… Non sai quanti reclamiho aperto col mio gestore per disservizi…..Alcuni risarciti altri ancora da definire mo che mi fai ricordar..Buon Continuo GiornataMik

  8. Adoro i mercati … ahahh
    sono appena tornata
    ho passato una mattinata
    tra le bancarelle …
    Di solito compro sempre di più
    di quello che mi occore
    quindi vado solo se ho soldi da spendere.
    Mi piace l\’atmosfera … la confusione
    le voci …
    Sai una cosa … preferisco il mercato
    a qualsiasi negozio … dal quale non si esce
    se non si compra qualcosa
    Al mercato posso guardare liberamente
    senza comprare … passare oltre
    senza che nessuno ti guardi storto.
    Buon fine settimana
    Maura

  9. La micetta sta benone…è educata..strusciona..sonnacchiosa..mi viene voglia di chiamarla Valium invece che Ginger !!!
    E tu come stai fiorellino? A quando le ferie?
    Un baciottolone grosso grosso ed un sorriso.
    Cris

Rispondi a Maura Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

L'Iride News

Beautiful mind in a beautiful world

L' Aurora di Leyla

…a te che sei qui con me, confuso nel mio respiro, dove non esistono confini, dove ogni silenzio è musica.

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

" i cunti"

Racconti e conversazioni dal Salento

LA PAGINA DI NONNATUTTUA

C'è hi vede le foglie che muoiono, io preferisco vedere i colori che nascono

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

SIGNORASINASCE by Stefania Diedolo

Si finisce sempre per dare il bacio della buonanotte alla persona sbagliata. Arthur Bloch

La Metamela

Nella citta’ della moda e degli aperitivi....e in un mondo dove se non ti sposi e non fai figli ti considerano «strana» come sopravvive una single?

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

MiSCRI20

"scrivere a questo mondo bisogna, ma pubblicare non occorre"

Pensieri lenti

idee spunti testi saggezza poesia

52settimanediorganizzazione

Obiettivo: organizzazione! Voglio avere una casa ordinata, pulita e mia, a basso costo e col massimo rispetto dell'ambiente

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: