Non T’incazzare

Un arcobaleno ha abbracciato i miei pensieri e ha condotto i miei istanti verso una libertà fatta di parole, laddove sfogliare immagini diventa reale quanto respirare emozioni.

Ormai, da tempo immemore, la meta del mio peregrinare è ben nota come “libreria”.  Ho camminato fra gli scaffali. Ho respirato pagine dallo spessore differente. Ho giocato con titoli di ogni forma e colore. Ho sparpagliato i miei pensieri in quei luoghi dove due donne parlavano dei ricordi di infanzia in cui un’insegnante spiegava ad una delle due l’esatta postura.

“Ah bei tempi”. E dal ricordo una nuova prospettiva: provare il pilates per non far perdere il ricordo di un’esatta posizione corporale.

Dopo aver scrutato un pò nelle vite letterarie dei miei “compagni d’acquisto” (è un’esperienza senza pari osservare i clienti di una libreria), mi è capitato fra le mani un libro che ho sentito l’esigenza di adottare:  “il mago del vento”.

Senza indugio l’ho preso e sono andata alla cassa. Lì c’era un uomo che sbraitava, facendo sentire il peso della sua autorità ad una ragazza che, forse, aveva commesso qualche “imperdonabile” errore. Le parole, seppur sommesse della donna, non hanno placato il suo capo. Il responsabile. L’uomo non ha smesso di urlare neanche in mia presenza. Ho fatto l’indifferente. Ho guardato in giro ma la situazione era un pò imbarazzante. Ed è proprio allora che è accaduto il fatto. I miei occhi si sono appoggiati sul libro sul bancone:

In quel momento ho provato l’irrefrenabile desiderio di afferrare il libro, alzarlo e mostrarlo all’uomo così arrabbiato. “Su su…chi te lo fa fare…Non t’incazzare che fa male”…Tranquilli, non l’ho fatto nel timore si arrabbiasse ancora di più ma ho dovuto frenare la mia risata perchè la scena nella mia fantasia era troppo divertente…

Ho pagato. Ho preso il mio mago del vento e mi sono lasciata condurre sulle onde della mia ilare fantasia…

Buona notte o Buon giorno a te che stai leggendo e provaci…per una giornata, pensaci e NON T’INCAZZARE!!!

Pubblicato il ottobre 14, 2010, in Curiosità con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. Caserta Hospitale

    E il LIPRO ?!?
    Vogliamo sapere COME SI FA…!!!

  2. Chissà, se tu fossi intervenuta, forse lo avresti fatto sorridere e la rabbia sarebbe sbollita in una sonora risata. NON LO SAPRAI MAI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

L'Iride News

Beautiful mind in a beautiful world

L' Aurora di Leyla

…a te che sei qui con me, confuso nel mio respiro, dove non esistono confini, dove ogni silenzio è musica.

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

" i cunti"

Racconti e conversazioni dal Salento

LA PAGINA DI NONNATUTTUA

C'è hi vede le foglie che muoiono, io preferisco vedere i colori che nascono

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

SIGNORASINASCE by Stefania Diedolo

Si finisce sempre per dare il bacio della buonanotte alla persona sbagliata. Arthur Bloch

La Metamela

Nella citta’ della moda e degli aperitivi....e in un mondo dove se non ti sposi e non fai figli ti considerano «strana» come sopravvive una single?

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

MiSCRI20

"scrivere a questo mondo bisogna, ma pubblicare non occorre"

Pensieri lenti

idee spunti testi saggezza poesia

52settimanediorganizzazione

Obiettivo: organizzazione! Voglio avere una casa ordinata, pulita e mia, a basso costo e col massimo rispetto dell'ambiente

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: