Archivi Blog

Scrivere. Scrivere. Scrivere. Scrivere … è VIVERE

 

La voglia di scrivere è irrefrenabile. Gg

Questa estate pensavo di fare una normale vacanza, invece …


Q
uesta estate pensavo di fare una normale vacanza. Mi sono trovata a fare un VIAGGIO. Un VIAGGIO di scoperta. Scoperta del luogo dove sono stata. Scoperta delle persone che ho incontrato. Ma, soprattutto scoperta di ME STESSA. Sono tornata a casa con un bagaglio più carico di quando sono partita. Ma non erano vestiti. Era “solo” la mia “consapevolezza”. Sono diversa. Mi sento diversa. Sorrido di più (sì è possibile :D) mi sento più leggera (e non parlo del peso fisico) più LIBERA o se volete, semplicemente LIBERA. Soprattutto FELICE. Carica di SPERANZA ma non quella che conduce all’ILLUSIONE ma quella che ti fa essere OTTIMISTA con realismo. Sono PROPOSITIVA. Sono “diventata ordinata” ma soprattutto mi sento CAMBIATA. Sono totalmente cambiata. Sono SERENA, più SERENA … e ho portato con me una STORIA ricca di personaggi  (il problema è trascriverla eh eh) … ho visto persone di diverse etnie convivere pacificamente. Ho visto persone mano nella mano, ho visto coppie, famiglie, persone “da sole” a scrivere racconti, storie, ovunque, sui prati, su una panchina, su un ponte, all’aeroporto. Ho parlato il linguaggio “del silenzio”.

Ho visto l’ordine, nonostante le diversità. Ho visto capelli di ogni colore. Ho visto occhi che non si stupivano. Ho visto calore, nonostante il “freddo”. Ho respirato gentilezza. Talvolta curiosità, ma era più la mia. Ho “sentito” un mondo in cui da sempre spero, possibile. Un mondo realizzabile. Ho visto bagni lindi, a ogni angolo. Ho visto gente che lavora col sorriso. Ho visto anche gente che parlava una sola lingua e questo è male … E’ necessario conoscere e parlare più lingue per non sentirsi isolati. Per capire e per farsi capire. Ho visto forme d’arte esprimersi in ogni modo e in ogni momento. Ho visto biciclette e pedoni circolare in libertà, senza correre il rischio di trovarsi travolti da un’auto, ho visto semafori in cui il giallo non indica solo “sta arrivando il rosso” ma anche “sta per arrivare il verde” … Ho salvato un libro “abbandonato”, in una piccola, in apparenza, ma carinissima libreria. Scritto in tedesco. “Il cammino di Santiago”. Ma un giorno saprò il tedesco, e lo potrò leggere anche in tedesco. Questo è il mio proposito, visto che sono sicura, tornerò nel luogo dove è cominciato il mio cambiamento … E ora so anche qual è il lavoro che fa per me (lo sapevo già, però … rinfrescarsi la memoria non fa mai male).

In viaggio attraverso il più piccolo istante di questo presente infinito

In viaggio

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: “Non c’è altro da vedere”, sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l’ombra che non c’era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Il viaggiatore ritorna subito. José Saramago

Descrizione magistrale di quello che dovrebbe essere il senso del viaggio. Ed io vi confesso ho una grande voglia di prendere il mio cuore, il mio entusiasmo, la fotocamera, carta penna e indossando le mie scarpe da ginnastica, attraversare il mondo. Alla scoperta di cosa? Alla scoperta di me stessa attraverso i luoghi, le persone, le meraviglie racchiuse nel più piccolo istante di questo presente infinito.

Ma, ovviamente, il viaggio amerei farlo a piedi. Chissà un giorno, troverò il coraggio …

Buon pomeriggio, Gg

Siamo gente in evoluzione, anche se …

Evoluzione

Ed eccoci qui in questo nuovo giorno, ancora una volta a scrivere. Cosa c’è di più bello? Lo so ci sono tante cose belle a a me scrivere mi regala un’euforia indicibile. Sono scesa un attimo dall’ufficio stamattina, visto che, nonostante il vento e il freddo c’è un bel sole. Sono passata accanto un bar che ha sedie e tavolini all’esterno. Seduti a un tavolo c’erano un ragazzo e una ragazza che stavano godendosi un aperitivo. Poco prima una donna, una donna poco più che cinquantennte su di una sedia a rotelle. Da sola. Accanto a un tavolino. Vestita di scuro. Indossava un cappotto di panno e i suoi capelli andavano al vento. Mi ha vista passare. Ha pronunciato qualche parola confusa che non ho compreso. Poi, mi ha guardata ed è scoppiata a ridere. Poi ha distolto lo sguardo e ha ricominciato a parlare. Mi ha stupita. Ho continuato a camminare e ogni tanto mi giravo verso di lei per vedere se qualcuno la raggiungeva. Dall’interno del bar è uscita un’altra donna, forse una badante con in mano due bibite. Quante storie sconosciute ci sono dietro ogni sguardo. E pensare che, talvolta, quegli occhi che sembrano puntati verso di noi, non ci vedono nemmeno. La signora probabilmente non stava ridendo in faccia a me. Forse era uno sfogo. Forse era una liberazione. Eppure sento ancora la sua voce nelle orecchie.

Ho comtinuato a camminare. L’aria si è riscaldata un pò. Un’altra donna ha attirato la mia atttenzione. Questa volta la donna, arrancava, appoggiandosi a un bastone. Quante persone zoppicano o usufruiscono di un bastone per potersi muovere. Mi è venuto da sorridere pensando a quanta forza c’era in quella donna che non si fermava dinanzi alle difficoltà. Invece, spesso, per chi ha due gambe funzionanti, diventa “stancante” anche solo immaginare di fare un breve tragitto a piedi. Talvolta come siamo ingrati. Ho forse no. Siamo solo ancora in evoluzione.

Sì, credo proprio che sia così, abbiamo occhi per guardare, orecchie per ascoltare, e bocca per parlare ma, per ora dobbiamo imparare ad usare questi strumenti che abbiamo in dotazione. Scoprire attraverso di essi tutte le potenzialità che abbiamo. Sì. Oggi lo so, siamo “persone in evoluzione” … nonostante tutto. Nonostante tutti.

Un soriso e buon mercoledì di sole a TUTTI noi …

Come ha inizio una rivoluzione?

trasformazioni

In questi giorni, ho riscoperto il piacere del blog, quello dei primi tempi. Un pensiero, un’immagine, una risata. Non tante parole ma, una vastità di riflessioni che “getto” di impulso su queste pagine. Momenti di condivisione per crescere, per cambiare, per scoprire, per giocare.

Ma, oggi, sto riflettendo su come dare un nuovo impulso vitale a questo blog. Vorrei proprio rivoluzionarlo un pò.

Se avete consigli, suggerimenti, domande, scrivete, scrivete pure. E vedremo cosa ne verrà fuori.

Un sorriso con un’immagine che mi piace molto e buon pomerigGiò :O)

Gg

Caccia al Tesoro …

Caccia al Tesoro ...

[Caccia al tesoro] … cercavo te e ho trovato ME :O) buon giorno e che oggi ci porti “buoni frutti” … un sorriso a tutti NOI …

L' Aurora di Leyla

…a te che sei qui con me, confuso nel mio respiro, dove non esistono confini, dove ogni silenzio è musica.

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Gli Amabili Libri

Che altri si vantino delle pagine che hanno scritto. Io sono orgoglioso di quelle che ho letto.

maplesexylove

_Fall in love with style_

" i cunti"

Racconti e conversazioni dal Salento

LA PAGINA DI NONNATUTTUA

La strada giusta è quel sentiero che parte dal Cuore e arriva ovunque

Diabetic World Traveler

¿Quién dijo que la diabetes fuera un límite? Que nada te impida perseguir tus sueños...

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

SIGNORASINASCE alias Stefania Diedolo

Se Laura fosse stata la moglie di Petrarca, pensate che lui le avrebbe dedicato sonetti tutta la vita? George Byron

La Metamela

Nella citta’ della moda e degli aperitivi....e in un mondo dove se non ti sposi e non fai figli ti considerano «strana» come sopravvive una single?

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

MiSCRI20

"scrivere a questo mondo bisogna, ma pubblicare non occorre"

GPM

Un blog dinamico per i veri appassionati di ciclismo.

Pensieri lenti

idee spunti testi saggezza poesia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: