Archivi Blog

Aggiornamento Meteo: Sereno Avariabile

 

Penso a quella benedetta porta che ha sbattuto tutta la notte. Ed io? Ed io sono troppo pigra. Ho preferito rimanere al calduccio e ogni tanto sentire la cadenza della porta piuttosto che alzarmi e chiuderla.

La pigrizia è veramente una brutta “bestia”. Però come si stava bene a letto mentre fuori imperversava la tempesta. Vabbè tempesta è un pò esagerato, però pioggia e vento si sono dati da fare.

E ora il cielo è ancora un pò indeciso. Pioggia e a tratti sole si alternano giusto per non farci annoiare e per lasciarci in precario equilibrio. Ma anche questo ci piace.

E oggi, visto che stiamo arrivando alla conclusione di questo mese si pagano le pendenze. L’iscrizione all’ordine dei giornalisti e il bollo auto. E vabbè togliamoci anche questi ultimi pensieri di gennaio.

E voi che impegni avete? Siete pigri come me o vivaci e sempre pronti a buttarvi da una parte all’altra?

Comunque, tempo bizzarro e tempo mutevole, un sorriso e buona giornata. Gg

Un sorriso contro la disinformazione

Ma ve la posso dire una cosa? Passiamo tanto tempo della nostra vita a cercare di dimostrare i benefici che il sorriso o comunque il pensiero alternativo ha sulla salute psico – fisica delle persone e la televisione, ovviamente non lo strumento in sè, quanto piuttosto chi si occupa della divulgazione delle informazioni, smonta tutto?

Mi spiego. Il sorriso, la risata, il pensiero positivo, è acclarato, ormai che rendono il corpo più “forte”, passatemi il termine per favore. Comunque, permettono al corpo di reagire, e tenete bene a mente questo prezioso verbo, a tutte le aggressioni che subisce. Malattie fisiche o psicologiche. E gli offrono un campo di “battaglia” più tenace per combattere i mali che quotidianamente si trova ad affrontare. Insomma, una risata aiuta a contrastare le malattie. E la convinzione di riuscire a guarire è il primo passo per riuscire ad affrontare qualsiasi terapia e laddove possibile, a sconfiggere un qualunque male.

Insomma. Questi sono gli studi recenti. Queste sono cose che ho provato personalmente sulla mia pelle. Il dono del sorriso non è una medicina ma è un grande deterrente contro l’abbattimento morale. E poi, dalla televisono partono continui messaggi allarmistici. Sta arrivando l’influenza. Farà una strage. Ecco, il picco influenzale arriverà a febbraio. Ok, sono d’accordo l’informazione è essenziale ma bombardare le persone, reiterando con un tono allarmistico le persone non serve ad aiutarle, quanto piuttosto ad autoconvincersi di essere di fronte a un vero “pericolo imminente” che, sicuramente, li coglierà. A maggior ragione se non si è provveduto a vaccinarsi nei tempi e nei modi prescritti.

Allora. Io mi chiedo e vi giro la domanda. Ma davvero è necessario diffondere il panico pur di dare un’informazione o forse è meglio dare un’informazione nel modo più appropriato che nel fatto di specie sarebbe preferibile, evitando il panico? Anche perchè sono ipotesi. Calcoli statistici ma tutto questo noi, esseri umani che non siamo addentro ai calcoli di mercato, non sappiamo.

Se ci dicono: il pericolo è imminente. Temiamo. E ci sono persone molto suggestionabili che temono ancora di più. La salute è preziosa. Preserviamola. Diffondiamo un pensiero positivo ma non scellerato. Nello stesso tempo tuteliamo la salute ma senza falsi allarmismi che rendono la notte ricca di sogni paurosi e nefasti.

Un sorriso al giorno, magari non toglierà il medico di torno ma ci donerà quella giusta e saggia dose di ottimismo che, in ogni caso, ci darà la forza di affrontare, nel bene e nel male ogni cosa.

La vita è così …

A ogni allontamento corrisponde sempre una “new entry”. La vita è così. Buona notte con un sorriso. Gg

Il rito della felicità

 

Se pensi intensamente al sole lo vedrai splendere. Buon giorno con un sorriso by Gg

(questo per oggi è il mio rito della felicità. il tuo qual è?)

Chi ti spegne il sorriso?

Prendo appunti per questa Vita:

“Chi ti spegne il sorriso, non può accendere nient’altro” (Mauro Soldano)

 

Questa estate pensavo di fare una normale vacanza, invece …


Q
uesta estate pensavo di fare una normale vacanza. Mi sono trovata a fare un VIAGGIO. Un VIAGGIO di scoperta. Scoperta del luogo dove sono stata. Scoperta delle persone che ho incontrato. Ma, soprattutto scoperta di ME STESSA. Sono tornata a casa con un bagaglio più carico di quando sono partita. Ma non erano vestiti. Era “solo” la mia “consapevolezza”. Sono diversa. Mi sento diversa. Sorrido di più (sì è possibile :D) mi sento più leggera (e non parlo del peso fisico) più LIBERA o se volete, semplicemente LIBERA. Soprattutto FELICE. Carica di SPERANZA ma non quella che conduce all’ILLUSIONE ma quella che ti fa essere OTTIMISTA con realismo. Sono PROPOSITIVA. Sono “diventata ordinata” ma soprattutto mi sento CAMBIATA. Sono totalmente cambiata. Sono SERENA, più SERENA … e ho portato con me una STORIA ricca di personaggi  (il problema è trascriverla eh eh) … ho visto persone di diverse etnie convivere pacificamente. Ho visto persone mano nella mano, ho visto coppie, famiglie, persone “da sole” a scrivere racconti, storie, ovunque, sui prati, su una panchina, su un ponte, all’aeroporto. Ho parlato il linguaggio “del silenzio”.

Ho visto l’ordine, nonostante le diversità. Ho visto capelli di ogni colore. Ho visto occhi che non si stupivano. Ho visto calore, nonostante il “freddo”. Ho respirato gentilezza. Talvolta curiosità, ma era più la mia. Ho “sentito” un mondo in cui da sempre spero, possibile. Un mondo realizzabile. Ho visto bagni lindi, a ogni angolo. Ho visto gente che lavora col sorriso. Ho visto anche gente che parlava una sola lingua e questo è male … E’ necessario conoscere e parlare più lingue per non sentirsi isolati. Per capire e per farsi capire. Ho visto forme d’arte esprimersi in ogni modo e in ogni momento. Ho visto biciclette e pedoni circolare in libertà, senza correre il rischio di trovarsi travolti da un’auto, ho visto semafori in cui il giallo non indica solo “sta arrivando il rosso” ma anche “sta per arrivare il verde” … Ho salvato un libro “abbandonato”, in una piccola, in apparenza, ma carinissima libreria. Scritto in tedesco. “Il cammino di Santiago”. Ma un giorno saprò il tedesco, e lo potrò leggere anche in tedesco. Questo è il mio proposito, visto che sono sicura, tornerò nel luogo dove è cominciato il mio cambiamento … E ora so anche qual è il lavoro che fa per me (lo sapevo già, però … rinfrescarsi la memoria non fa mai male).

Facciamo il possibile per rapire sorrisi?

Facciamo il possibile per rapire sorrisi al mondo quando invece è così bello liberarli e condividerli … (parola di Gg)

Scegli la tua fonte di energia …

“Siete convinti che il sorriso dona molta più luce dell’energia elettrica e costa molto di meno?” – don Salvatore … con coraggio dilapidiamo sorrisi e illuminiamo la VITA!!! Buona Pasqua a tutti …

Lascia il posto a un sorriso

Chi si piange addosso sprofonda. Chi sorride vive.
Gg

L'Iride News

Beautiful mind in a beautiful world

L' Aurora di Leyla

…a te che sei qui con me, confuso nel mio respiro, dove non esistono confini, dove ogni silenzio è musica.

Opinionista per Caso2

il mondo nella fotografia di strada di Violeta Dyli ... my eyes on the road through photography

Gli Amabili Libri

Che altri si vantino delle pagine che hanno scritto. Io sono orgoglioso di quelle che ho letto.

" i cunti"

Racconti e conversazioni dal Salento

LA PAGINA DI NONNATUTTUA

Come Si fA A SPIEGARE IL MARE A CHI VEDE SOLO ACQUA?

elinepal

Mi ci mancava solo il Blog

SIGNORASINASCE by Stefania Diedolo

Si finisce sempre per dare il bacio della buonanotte alla persona sbagliata. Arthur Bloch

La Metamela

Nella citta’ della moda e degli aperitivi....e in un mondo dove se non ti sposi e non fai figli ti considerano «strana» come sopravvive una single?

OggiScienza

La ricerca e i suoi protagonisti

MiSCRI20

"scrivere a questo mondo bisogna, ma pubblicare non occorre"

Pensieri lenti

idee spunti testi saggezza poesia

52settimanediorganizzazione

Obiettivo: organizzazione! Voglio avere una casa ordinata, pulita e mia, a basso costo e col massimo rispetto dell'ambiente

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: